Furto di identità

il fratello minore di Mindscan

Se non avessi letto Mindscan qualche tempo fa questo Furto di identità mi sarebbe piaciuto molto ma molto di più, a leggerlo adesso ha perso un po’ di freschezza, di novità. Il tema è praticamente lo stesso di Mindscan il trasferimento della identità, dell’intima essenza di una persona in un corpo artificiale, l’ambientazione è su Marte piuttosto che sulla Luna e la trama è quella di un poliziesco. I ‘topoi’ del giallo alla Hammett ci sono tutti: l’investigatore privato da “100 dollari al giorno più le spese”, il commissario che gli fa da spalla, la bellona piena di grana, una trama scoppiettante con ribaltamenti e colpi di scena e naturalmente la vittima. Insomma una storiella ben confezionata che, senza porre problemi metafisici come il fratello maggiore riesce a divertire e a far passare un paio di ore rilassanti.
 
Furto di identità di Robert J. Sawyer, Odissea n. 12, pagg. 126

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...